Torta con fichi e yogurt alle noci e cereali

picsart_09-05-05-59-22

Perchè i fichi inondano casa in questo periodo,grazie alla mamma che ogni giorno e puntualmente, me ne porge indifferentemente un bel cestino.Si,mi piacciono,ma arrivo a non riuscire  a smaltirli,nonostante l’impegno che ci metta nel mangiarli…E’ come se poi moltiplicassero per farmi un dispetto,ma io ancora più dispettosa,trovo sempre il modo per metterli in pace.E così si va di confetture,crostate e tortine morbide e profumate.Come quest’ultima,che si fa velocemente e senza sporcare per nulla:basta una ciotola ed un frullino e il gioco è fatto!E naturalmente dei dolci e carnosi fichetti 😉 

(altro…)

torta mascarpone e confettura di visciole

PicsArt_05-02-12.36.59

Un sorriso bellissimo,tanto da credere che quei denti,così perfetti e in fila,non fossero i tuoi.Due occhi piccoli e castani,ma pieni di arguzia,capaci di analizzarti l’anima,darle una lezione e rimetterla in pace e …La tua chioma fluente,lucida,ancora oggi che hai salutato la gioventù,ma non la giovinezza e due zigomi alti e nobili nella loro splendida superbia.Un volto paragonato,da tanti, a quello della mitica Sophia e sai mamma,ti confesso,che ogni volta che c’è un film della Loren e fa qualche battuta delle sue,in quel napoletano tanto sensuale e carnale,io ti rivedo e penso a quanto ti somigli.Perchè da figlia poco modesta,asserisco che sia  la diva ad assomigliare a te e non il contrario…scusate ma son di parte.

(altro…)

Crosta-cheesecake e more di bosco

IMG_20150808_185312

Mentre va via e mi dice un “arrivederci” con l’ultimo sorriso,non posso che rincorrerla,abbracciarla forte e omaggiarla con ciò che mi ha donato.Mi ha regalato bagni infiniti in un mare mai freddo,mille punture di zanzare maledette,tanti gelati morbidi e a volte troppo impauriti,serate lunghe ma che mai si son trascinate,risa a perdifiato per raggiungere un parcheggio che il caldo faceva apparire un’oasi vicina,quando ancora mancava un km,allucinazioni varie e infradita rotti e capelli così arruffati da sembrare un panettone.E tra tanti momenti,sudate e milioni di passi ci sono stati loro:i bei fruttini dal rosso vermiglio,così scuro da sembrare nero,ma di una dolcezza selvatica e antica, com’è il loro vivere tra i rovi!Frutti selvaggi che forti e tenaci si inerpicano tra i rovi,incuranti di spine e piccoli ostacoli.Fatti di minuscole palline che si tengono strette strette come a darsi coraggio per i mille imprevisti che si proporranno.E un imprevisto c’è stato:quattro mani giovani e leste,ne hanno raccolte più di un chilo e così loro,le piccole bacche son cadute ormai arrendevoli e rassegnate in una morbida crostata e un liquore dal colore seducente.

Ora cara estate puoi pure andare,per quest’anno credo di averti detto detto quasi tutto,mentre ti donavo questa torta…e se qualcosa lo tengo per me,non fartene un cruccio,ricorda tutte le volte che mi hai mandato in giro coi capelli”a panetone”!

(altro…)

Torta di frolla e fichi

IMG_20150710_180415~2

Pochi gesti,pochi ingredienti.

E’ necessaria solo un pò di voglia e un ingrediente che sappia tirarla fuori,la prenda per mano e la conduca in cucina,dove tutto si compie,tutto ha un inizio ed una fine.Si inizia dal tirare fuori una ciotola,due ovetti felici,un mix di farine,del burro freddissimo,zucchero a velo e si unisce il tutto.Si sfrega,si sfrega,fino ad avere delle briciole sempre più fini,come una sabbia dalla grana grossa,fino a raccoglierla in un panetto morbido che risulterà poi,un guscio friabile e fragrante.Un comodo rifugio dove,questa volta si sono adagiati cinque grossi fichi neri,succulenti,morbidi,pronti a regalare emozioni.E così la “voglia” alla fine del suo viaggio tra mestoli e farine,ringrazio i bei frutti,lasciando intendere attraverso un sorriso,tutta la sua riconoscenza!

(altro…)

Torta con crema al latte di mandorle,pesche e prugne

IMG_20150507_180918~2

Tutto sembra migliore se il cuore si lascia andare.Ti senti leggero,scarico dalle ansie che la mente sa dare,ma la ragione con i suoi freni,esiste e bisogna pur  darle retta,anche se poi c’è sempre il cuore e fa di testa sua…perchè il cuore fa sempre di testa sua,è cocciuto e non vuol sapere ragione.Stai lì delle ore a dirgli di finirla,di tacere,che deve battere senza far rumore,non è necessario che lo sentano tutti…l’importante è che lo senta tu coi suoi sussurri detti ad alta voce.

Quante storie lette e vissute mentre ne leggevo ogni riga.Quanti amori contrastati,dove il cuore non poteva parlare,ma tacere al volere della ragione.Ho amato i miei libri e le sue eroine malate d’amore e morte per amore,perchè una volta si poteva morire d’amore,oggi al massimo si muore d’egoismo…Sento la mancanza dei miei libri,quindi mentre chiudo le porte del mio blog,ne afferro uno e mi sdraio e lascio libero il cuore.

(altro…)

Torta di mele con yogurt

Ci si scontra,ci si confronta,a volte a muso duro a volte più pacatamente…Ma ogni scontro è un prendere atto di ciò che sei e ciò che sei diventata con gli anni;magari ammettendo a se stessi e con una certa soddisfazione che la calma inizia a dare i suoi frutti.Prima l’impeto mi avrebbe spinta a non pesare le parole che come macigni si sarebbero arrovellati nei pensieri per ore e magari per giorni;ora tirando il respiro son riuscita a trattenermi e a fare un sorriso nonostante avrei voluto urlare un liberatorio “vaffa…”condito da un ceffone.Invece no,son tornata a casa,ho ripensato a quello  sguardo indecente,ho lanciato come al solito le scarpe,ho infilato il solito mollettone sgangherato ma tanto fashion e mi son divertita a strapazzare le mele annurca appena comprate e ho ripensato con stupore alla mia momentanea saggezza…Bimbe sto per caso diventando grande?Oggi ne ho preso veramente atto…mi faccio paura da sola,anche se ho guidato senza scarpe tra i rimproveri della figlia e la paura di dover scendere all’improvviso… ma avevo troppo male ai piedi.
Una saggia pagliaccia,questa io sono….Come questa torta all’apparenza frivola,truccata di zucchero a velo e orlata di tanti spicchietti,ma con un cuore saggio di salute e non privo di gusto.

Torta di mele con yogurt

Ingredienti per una tortiera da 28 cm
4 uova intere
150 g. di zucchero semolato
150 g. di zucchero di canna
300 g. di farina 00
100 g. di farina di farro
2 vasetti di yogurt intero senza zucchero
150 ml di olio di girasole
la buccia grattugiata di un limone
1 bustina di lievito per dolci
un pizzico di sale
6 mele (le mie annurca)
1 cucchiaio di zucchero di canna
*******
Sbucciare le mele.Affettarne sottilmente tre e le altre tagliarle in piccoli pezzi,irrorarle di succo di limone per non farle annerire.
Battere le uova intere con gli zuccheri fino a montarle bene.Unire il sale e la scorza dei limoni.Sempre continuando a montare aggiungere a filo l’olio.Unire anche le farine setacciate insieme al lievito alternandole allo yogurt.Unire al composto le mele a pezzetti e versare il tutto in una tortiera foderata di carta forno.Ora disporre a cerchi le mele tagliate a fettine.Cospargere con zucchero di canna.Infornare a 170° per circa cinquanta minuti.Fare comunque sempre la prova stecchino.Sfornare e sformare,cospargere a piacere con zucchero a velo.

Buona settimana amici…alla prossima dalla vostra saggia pagliaccia!

E felice come una bimba partecipo al giveaway di Anuska “Un regalo per voi”…. Tanti bei regalini,dei piccoli capolavori creati dalle manine di Any!

CONSIGLIA Torta salata 7 vasetti