Torta rustica ripiena di cipolline e pinoli

E’ giunta e porta con sè,un cesto colmo e traboccante di ricchezze:cipolline novelle,pisellini dolci e croccanti,timidi asparagi,i primi carciofi e ancora tante verdurine.Ogni stagione placa l’anima coi suoi doni speciali,ma è l’estate e la primavera che la fanno esultare in una danza di gioia e serenità, al solo immaginare,padelle fumanti da cui provengono vapori e profumi unici.Amo preparare padellate di verdure miste in cui ognuna si fonde all’altra,regalando la bellezza della primavera,attraverso il gusto che sanno creare.La vedo in un bocciolo scintillante,in un raggio di sole abbagliante,in un tramonto che tarda finalmente ad arrivare,nel profumo della sera e…in un tegame sul fuoco.La primavera la vedo,la gusto,l’annuso…l’amo!

(altro…)

Torta al latte caldo e ganache al cioccolato

Uno sfondo in rosa per una torta vestita di cioccolato.Un giusto compromesso tra il gusto”robusto” dell’uomo e quello romantico e un pò frivolo della donna.Un incontro-scontro che non da scampo:scatena tempesta.E non esiste tempesta senza lampi e tuoni,gli stessi che hanno colpito la mia cucina ogni volta che il marito,ha provato a portar via una fettina della suddetta torta.E’ andato via praticamente fulminato 😀 ,nonostante sia stata la sua voglia di cioccolato a dar vita a questo incontro…

(altro…)

Plumcake alla marmellata di mandarini

Vi avanza della marmellata?Avete voglia di un dolcino semplice,goloso,soprattutto veloce da fare e ancor più veloce da mangiare?E allora tirate fuori un mixer,mettete tutti gli ingredienti che vi elencherò e lasciate fare tutto a lui.Nel suo vortice di lame,creerà un impasto soffice ed omogeneo;non vi resterà che versarlo in uno stampo e lasciar fare poi,tutto al forno.Insomma voi farete le pigre senza sensi di colpa,perchè alla fine porterete in tavola una torta di tutto rispetto.Fate finta di nulla,anzi con una mano asciugatevi il sudore e con stanchezza lasciatevi cadere sul divano,mentre strizzate un occhio al mixer!Non sarà un inganno,è che spesso se le cose appaiono troppo facili,diventano scontate e le si apprezza poco…

(altro…)

Le “Meraviglie”di Iginio Massari

Come resistere?Io almeno non lo faccio,nonostante,la mia cucina puzzi di fritto fino a ferragosto  o i miei capelli ricordino per forma e odore i tentacoli di una piovra bionda.Non me ne frega proprio,detto tra noi.Odorerà tutto  di fritto,mica di pesce marcio?Immaginatevi quindi appena ho visto queste squisitezze?Belle,leggiadre,gonfie,promettenti e peccaminose nella loro purezza.Ho letto “meraviglie di Iginio Massari” e subito sono andata a stanarle nel loro nascondiglio fatto di dolcezza e bontà.Ho immaginato di averle tra le mani,di guardarci attraverso per quanto sono sottili e trasparenti e addentarle mentre le briciole mi cadevano in ogni dove.Beh a me la scenetta,ha sortito un unico effetto:andare in cucina,legarmi i capelli,allacciare il grembiule(che indosso solo per le fritture,è solo questione di suggestione,lo so bene,ma che ci posso fa?) e creare queste angeliche meraviglie.Il risultato è stato “più meraviglioso”di quanto avessi immaginato.

(altro…)

Ciabatte con farina integrale e lievito madre

Mi fa stare bene.Annusare la farina,palparla e guardarla,mentre gia la vedo trasformata in caldo e profumatissimo pane.Mi fa stare bene.Tirare fuori il mio asse di legno,innevarlo e accarezzarlo,lasciando le impronta di dita,spesso frettolose e gelide.Mi fa stare bene.Sfornare e respirare il tepore che invade la cucina ,mentre la calma cede il passo all’impazienza di assaggiare.E sono stata benissimo nell’impastare queste ciabatte;lavoravo pregustando ciò che sarebbe accaduto:favolosi pani fragranti da farcire con i più svariati ingredienti.Che v’aggia di;beo di spicciole emozioni.

(altro…)

Tortine alle noci,cioccolato e caffè

L’anno nuovo è qui già da un pò,e la mia lista dei buoni propositi è ancora bianca,neanche una lettera l’ha sfiorata.Nulla mi son ripromessa,nessun obiettivo da raggiungere,niente da pianificare o mete da raggiungere.Non è mancanza di entusiasmo o di sogni in cui credere,è semplicemente la consapevolezza che il futuro,per quanti piani si facciano,segue soltanto il suo corso e non il tuo volere.Quindi più che propositi,mi son posta delle speranze…Vorrei un gattone nero enorme e noncurante;leggere i miei amati e struggenti libri;incontrarmi con amiche care e gioiose,seguire una dieta golosa e appagante,fare lunghe camminate per questa schiena scostumata;curare con meno pigrizia il mio amato blog,essere più tecnologica e meno impedita.cercare di non litigare più col barista;essere più clemente con me stessa.Ecco,quest’ultima speranza è la più ambita…il giorno che giudicherò meno me stessa,avrò forse esaudito la mia speranza più grande.Lo auguro a voi tutte…vogliamoci più bene,perchè come mi ricordava una fatina,noi donne,siamo streghe,forse,ma con orgoglio!Ed ora per una dieta golosa ed appagante,rifate queste tortine piene,colme di cioccolato  😉 

(altro…)

CONSIGLIA Clinica Pediatrica De Marchi in festa