Tortine alle noci,cioccolato e caffè

L’anno nuovo è qui già da un pò,e la mia lista dei buoni propositi è ancora bianca,neanche una lettera l’ha sfiorata.Nulla mi son ripromessa,nessun obiettivo da raggiungere,niente da pianificare o mete da raggiungere.Non è mancanza di entusiasmo o di sogni in cui credere,è semplicemente la consapevolezza che il futuro,per quanti piani si facciano,segue soltanto il suo corso e non il tuo volere.Quindi più che propositi,mi son posta delle speranze…Vorrei un gattone nero enorme e noncurante;leggere i miei amati e struggenti libri;incontrarmi con amiche care e gioiose,seguire una dieta golosa e appagante,fare lunghe camminate per questa schiena scostumata;curare con meno pigrizia il mio amato blog,essere più tecnologica e meno impedita.cercare di non litigare più col barista;essere più clemente con me stessa.Ecco,quest’ultima speranza è la più ambita…il giorno che giudicherò meno me stessa,avrò forse esaudito la mia speranza più grande.Lo auguro a voi tutte…vogliamoci più bene,perchè come mi ricordava una fatina,noi donne,siamo streghe,forse,ma con orgoglio!Ed ora per una dieta golosa ed appagante,rifate queste tortine piene,colme di cioccolato  😉 

(altro…)

Biscotti rustici alla marmellata di bergamotto

PicsArt_05-19-07.30.58

Aveva da subito,catturato la mia attenzione.Rigiravo il vasetto tra le mani,come ad assaporarne il gusto e percepirne il profumo,attraverso il vetro che la conteneva.Il suo colore di un giallo tenero e delicato,era quasi trasparente;in controluce intravedevo frammenti di polpa e tocchetti di buccia.Tutto mi attraeva,perfino il suo nome:”marmellata di bergamotto”.L’ho portata a casa come avessi un tesoro,e impaziente l’ho assaggiata.Troppo amara,no,non potevo farne una crostata,ma il suo profumo intenso mi ha fatto immaginare una frolla deliziosa,che sapesse di estate,di luoghi assolati,di brezza di mare…Il suo gusto acre,acerbo al palato,non mi entusiasmava in purezza,ma come ingrediente in un biscotto,mi ha convinta dal primo pensiero ed entusiasmata,poi,al primo morso.

(altro…)

Brownies al cioccolato bianco e biscotti Oreo

PicsArt_05-14-02.23.32

Da queste parti,si direbbe”non mi fanno uscire pazza”,ossia non è che mi mandino in estasi questi biscotti,nonostante abbia la figlia che invece,ne va matta.Quindi non mancano mai in dispensa,sempre con il proposito di farci qualche dolcino,oltre ad accontentare la gola della fanciulla.Si,perchè mi piacciono tanto i dolci che ne fanno uso,sia come decoro,come farcia o per golosi accostamenti.Amo vederli spuntare dai morbidi impasti,come boe galleggianti su mari morbidi ed accoglienti e stavolta prima che fossero finiti,non ci ho pensato su due volte e li ho immersi in un mare di cioccolato bianco.Mi piace il contrasto del loro nero intenso nel candore dell’impasto,lo stesso che ho ritrovato poi,anche dopo la cottura.Ecco allora:

(altro…)

Brutti ma buoni alle noci e nocciole

PicsArt_12-17-01.24.43

Brutti ma buoni,ma non è un dato di fatto!No,non lo è di certo,anzi tante volte,l’esterno rappresenta il cuore dell’anima e quel che ci appare poco gradevole,lo è poi anche nel modo di fare,di porsi,di vivere con gli altri.Non mi fermo mai all’apparenza e vado incontro proprio a chi,in un primo momento appare diffidente,un pò brusco,imputando quell’antipatia ad una forma di insicurezza.Spesso sono ricompensata dal mio perseverare,trovo ciò che cercavo,cioè bontà e solo tanta timidezza…Altre volte,mi arrendo anche la bruttezza dell’anima e allora mi ripeto,che non sempre ciò che è brutto,è però buono…no a volte si è brutti e basta!

Non è il caso di questi dolcetti bruttarelli e bitorzoluti,che conquistano al primo morso scrocchiarello e ricco di gusto.Loro si lasciano toccare dentro,fino all’anima,per lasciare tutti sorpresi da cotanta bontà.Sanno giocare sull’imprevisto,perchè nulla è più adrenalinico di ciò che arriva,da quello che non ti aspettavi…Perchè nulla è più importante della bellezza dell’anima.

(altro…)

Tortini al cioccolato e caffè con crema al mascarpone

PASTICCINI | 11 febbraio 2015 | By

Stasera non saro’ ai fornelli, stasera portami fuori.Portami li’ dove tutto è iniziato, dove alla tiepida luce di una candela mi hai detto:”sei bella da morire”.Guardami ancora e non sorridere se mi imbarazzo, mentre osservo avida il sughetto rimasto sul fondo del piatto; sai che a malincuore lo lascio li,mentre vorrei farci scarpetta.Portami una rosa senza spine perché le avrai tolte tu,una ad una, pungendoti coi loro dubbi e dolori.Portami la nostra canzone,mentre guidando mi tieni la mano, la stringi, ne intrecci le dita e ne assaggi i pensieri.Aprimi la portiera e tienimi stretta se inciampo sui miei tacchi presuntuosi e mentre mi stringi, respira il nostro profumo, parla di me ma anche di noi.Portami su, ho preparato il dessert; sa di cioccolato, di caffe’ e mascarpone.Mettiti comodo, allenta la cravatta, ormai stropicciata e svogliata e stappa la bottiglia di vino,rosso,dolce, leggermente mosso e che sa di ciliege e baci rubati.Dividi a metà il tortino al cioccolato,caffè e mascarpone e cerca di non leccarti le dita.

Dammi cinque minuti, dammi solo il tempo di sciogliere i capelli….
Tortini al cioccolato e caffè con crema al mascarpone
Ingredienti
2 uova
120 g. di zucchero di canna
120 g. di cioccolato fondente
120 g. di burro
120 g. di farina 00
mezzo bicchierino di caffè ristretto
mezzo bicchierino di liquore al caffè
un pizzico di sale
2 cucchiaini di lievito per dolci
Per il frosting
250 g. di mascarpone
70 g. di zucchero al velo
2 cucchiai di liquore al caffè
1 cucchiaio di caffè ristretto
§§§§§§§§
Fondere a bagnomaria il cioccolato a pezzetti insieme al caffè.Montare il burro con lo zucchero ed il pizzico di sale.Unirvi il liquore e  uno alla volta le uova,alternandole a qualche cucchiaio di farina.Unire il cioccolato fuso e ormai tiepido e usando ora la spatola unire la farina setacciata con il lievito mescolando dal basso verso l’alto.Con un cucchiao disporre nei pirottini,riempiendoli per due terzi io ho usato quelli al silicone,ma vanno benissimo anche stampi da muffins foderati di pirottini di carta classici.Infornare a 170° per circa venti minuti.Mentre si raffreddano preparare il frosting.Amalgamare il mascarpone allo zucchero e al liquore e il caffè.Riempire una tasca con beccuccio liscio e fare degli spuntoni sui tortini.Decorare con briciole dello stesso impasto del tortino(ne ho sacrificato uno per sbriciolarlo)e foglie di cioccolato al caffè.Alcuni li ho tagliati e farciti anche all’interno.
Buona settimana dell’amore…
Buon San Valentino

Pavlove al profumo di caffè… di caffè….

PASTICCINI | 27 marzo 2014 | By

La luce senza la sua ombra,il giorno senza la sua notte,il bianco senza il proprio nero…E’ la notte a rendere unico un giorno,l’ombra ad illuminare la luce e il nero ad accendere il bianco,tutto vive e batte più forte in quella linea sottile che non separa ma unisce.E la magia si ripete anche in cucina,dove i sapori,le temperature,le consistenze,i colori non possono mai essere in netto contrasto,ma si uniscono nelle sfumature l’uno dell’altro,fino a fondersi in un unico attimo.
La candida e dolce meringa,incontra una crema di mascarpone al caffè,la annusa e cerca la morbidezza di un savoiardo,mentre si fa baciare dal sapore intenso e pungente di  un caramello al caffè salato…Piccoli e lievi contrasti per il dolce di Cristina ed il suo contest

Ingredienti:
Per la meringa
220 g. di albumi(all’incirca sei albumi)
400 g. di zucchero semolato
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
1 cucchiaino di aceto
1 cucchiaino di fecola
per la crema al mascarpone
2 tuorli
250 g. di mascarpone
100 ml di panna montata non zuccherata
caramello al caffè
Per il caramello:
1 tazzina di caffè ristretto
80 g. di zucchero
10 g. di burro salato
per i bottoncini di pasta savoiardo
2 albumi
2 tuorli
60 g. di farina 00
60 g. di zucchero
un pizzico di sale
Innanzitutto preparare la meringa.Iniziare a montare gli albumi,con circa metà dello zucchero.Man mano aggiungere il restante zucchero insieme alla vaniglia,all’aceto e alla fecola.Montare fino ad ottenere un composto sodo e molto sostenuto.Sulla carta forno ho disegnato dei cerchi aiutandomi con un coppasta,affinche creassi delle pavlove della stessa misura.Ho girato il foglio e seguendo il perimetro ho fatto dei cerchi,riempiendo anche la base.Su di essi ho fatto altri due giri di meringa,in modo da ottenere un incavo.Ho lasciato cuocere in forno leggermente aperto grazie ad un cucchiaio di legno,posto nella fessura dello sportello, per circa tre ore a 90°,il tempo di farle asciugare.Intanto ho preparato la pasta savoiardo.Ho montato i bianchi con lo zucchero ed il pizzico di sale.Ho montato leggermente i due tuorli e ho unito delicatamente agli albumi.Ho setacciato la farina e l’ho unita al composto sempre mescolando dal basso verso l’alto.Ho steso sulla teglia foderata di carta forno e  cosparsa la superficie di zucchero semolato.Ho infornato a 170°per un quarto d’ora.Ho lasciato intiepidire e coppato dei bottoncini aiutandomi con un tagliabiscotti piccolo.Per la mousse ho sciolto il  lo zucchero col caffè,portandolo ad una temperatura di 121°e con questo sciroppo(ne ho lasciato un paio di cucchiai) ho pastorizzato i due tuorli,versandolo a filo su di essi,sempre continuando a battere.Ho montato fino al raffreddamento del composto ed ho unito il mascarpone.Ho aggiunto la panna montata mescolando dal basso verso l’alto.Ho riposto in frigo.Con lo sciroppo messo da parte ho fatto un caramello,facendolo restringere un altro pò sul fuoco e aggiungendo i 10 g. di burro salato.Ho riempito la sac a poche munita di bocchetta a stella e fatto uno spuntone nell’incavo delle meringhe ormai raffreddate.Ho posto sopra un bottoncino di savoiardo intriso nel caramello tiepido e fatto un altro spuntone in cima.Alcuni li ho lasciati così semplicemente striandoli di caramello e ad altri ho messo un cappellino di meringa.

Bottoncini di pasta savoiardo

Con questa ricetta partecipo al contest di Cristina…una pasticcera provetta!

Un bacio amiche mie!
CONSIGLIA Biscotti salati alle noci e miele