Crostata ai due colori e sapori

Il contrasto tra il bianco ed il nero,ha sempre il suo fascino.Cattura l’attenzione,in cerca di farsi notare,attraverso quel suo delineare dei confini.Confini invalicabili,netti negli oggetti,ma non in cucina,dove il sapore,il gusto,li amalgama in un’unica armonia.Questa è la “crostata dei confini”:Il bianco di una frolla alla vaniglia,si distacca da quella scura al cioccolato,la confettura chiara della pera,prende le distanze da quella rossa e accesa della fragola.Due sapori,due colori,ma che in bocca hanno abbattuto ogni barriera,per fondersi e regalare piacere.

A volte si è così diversi,eppure insieme si crea qualcosa di meraviglioso,di unico.Da soli,si rimane per sempre,unicamente se stessi…

(altro…)

Sbriciolata con fichi,marmellata e crema di yogurt

Dalla ciotola allo stampo,la sbriciolata si realizza in pochi gesti.Anche mattarello e spianatoia sono esonerati dal lavoro,basta un pizzico di voglia,dei buoni ingredienti e la solita fantasia.Si,la fantasia…quanta ne abbiamo noi donne;la srotoliamo a nostro piacimento a secondo del momento.Siamo malinconiche?In un sospiro ci rivediamo piccine coi boccoli biondi ai piedi del letto della mamma,aspettando un cenno per saltar su e marinare la scuola.Siamo in difficoltà mentre diciamo una bugia?Ci aggiustiamo i capelli,pensando alle parole giuste da dire,anche se siamo rosse come un peperone e dalla borsa tiriamo  fuori il cellulare,fingendo la solita chiamata del marito.Siamo romantiche?Musica in sottofondo e abbracci strappalacrime con l’ipotetico lui,mentre va via sulla sua auto sportiva,lanciandoci l’ultimo bacio.Siamo sexy?Ecco,qui siamo capaci davvero di tutto…Richard Gere,coi suoi pantaloni avvitati e quella giacca buttata strafottente sulla spalla,arrossirebbe per tutte le volte,che ha dovuto lenire le nostre smanie.Peccato poi,aprire gli occhi,e ritrovarsi muso a muso con la tua Kira che ti sbadiglia in faccia senza riguardo.Noi donne,siamo irraggiungibili… la fantasia sa portarci molto lontano.

Ma ero in casa,mentre sbriciolavo la frolla e pensavo fossero i capelli del mio Richard.Alla fine,questa sbriciolata si è sentita talmente desiderata,che ha rilasciato un profumo molto intenso,come preludio a ciò che sarebbe stato!

(altro…)

Torta-crostata di ciliegie

Poca pazienza!Nacqui impaziente,vissi impaziente e morirò impaziente.Questa,la mia riflessione durante lo”snocciolamento”delle ciliegie.Lavoro che cerco di delegare furbamente,ma questa volta,per causa di forza maggiore,mi son dovuta scorciare le maniche e mettermi all’opera.Una,due,tre,quattro e ancora cinque e sei,ma alla decima,ho mollato brutalmente l’ultimo nocciolo e deposto le armi.Quatta quatta e con occhi a a pesce lesso,ho supplicato la figlia,di terminare quel”lavoro sporco”(quasi mi faceva inginocchiare con tanto di gocciolone di sudore penzolante).Le avrò fatto proprio pena e ha deciso di soccorrermi.Avrei finto perfino uno svenimento,ma fortunatamente mi ha risparmiato e così dopo una mezz’oretta ho avuto tra le mani la mia bella ciotola,colma di succose e nerissime ciliegie,perfettamente snocciolate.Erano pronte,ed io con loro.Insieme abbiamo fatto una tortina morbida morbida,così suadente e avvolgente che,persino,la pazienza,mi ha schioccato una pacca sulla spalla!

(altro…)

Pizza di ricotta

Dici pizza e pensi a Napoli.Si,qui abbiamo l’abitudine di chiamare pizze anche pietanze dolci,soprattutto se sono ricche di una golosa farcitura.E vi assicuro che questa torta,ne contiene una squisita,fatta di candida e freschissima ricotta e deliziosa crema.Un connubio,che regala la certezza di assaporare un dessert,che in bocca si scioglie e nello stomaco fa la ola.Non nel senso,che vi farà contorcere con un indolente mal di pancia,ma nel senso di esultanza…beh se poi la mangerete ancora bollente,non vi assicuro nulla,sapete bene la ricotta calda cosa può scatenare! 😯 

Ora tornando ad argomenti più sereni,vi ribadisco la bontà di questa pizza.E’ una ricetta antica,presa tantissimi anni fa da un giornalino,che allora era allegato ad un quotidiano di Napoli.Un tascabile che racconta la tradizione della cucina napoletana in cento ricette,raccontando anche gli usi e costumi.Un piccolo tesoro che ha reso negli anni,insieme agli insegnamenti della mamma,la mia cucina,spero,più buona e saporita…

(altro…)

Crostata con farina integrale e composta di fichi

picsart_09-08-01-22-28

Una composta di fichi e rum,per una crostata dal gusto intenso,rustico e un pò antico.Le torte con la farina integrale regalano sempre quel sapore genuino, poco raffinato ma tanto rassicurante.Se poi sono delle golose crostate,allora in un attimo,ci si ritrova nella vecchia casa,dove la mamma infornava il dolce,tra un colletto da inamidare e un calzino da rammendare.Oggi niente buchi da ricucire e ne camicie da imbalsamare,ma una crostata da infornare c’è sempre.Per quella,il tempo,il futuro,non prevede cambiamenti.

(altro…)

Crostata rustica con composta di susine

picsart_09-07-01-21-17

E dopo i fichi,tante susine da smaltire.Non che mi dispiaccia,ma dopo averne mangiate un pò,non si può mica esagerare,soprattutto con le suddette,sappiamo bene che effetti diano.Ok,superiamo l’argomento delicato ed inoltriamoci nei meandri di questa ricetta,che poi di meandri ed anfratti ne ha pochissimi,talmente è semplice e pratica.Di fare la confettura non ne avevo affatto voglia,quindi ho optato per una composta più veloce e meno impegnativa.Ho semplicemente messo le prugne a pezzi con lo zucchero e lasciato cuocere una ventina di minuti,il tempo che si disfino e poi,voilà,della sana e golosa pasta frolla con farina integrale e il gioco è fatto o meglio la crostata è pronta!

Su seguitemi,è uno scherzo da ragazzi 😆 

(altro…)

CONSIGLIA Torta di mais