Cake con farina di riso e farina integrale

IMG_20150523_083717

Una chiacchierata e tutto torna a quando da ragazzina correvi in quella casa,con gli occhi che brillavano alla vista del mobilio pomposo e barocco,ai tantissimi quadri e tappeti disseminati a caso su  pareti e pavimenti,alla cucina immensa con un tavolone lungo cinque metri coperto di marmo e alla dispensa colma di mille merendine.Rappresentava un comodo rifugio,dove sedersi al gran tavolone insieme a quella famiglia numerosa,composta da fratelli e sorelle sempre  allegri,dalla battuta sempre pronta e tu piccina,con il caschetto biondo(eggià a mia mamma venne la brillante idea di farmi somigliare a Rita Pavone) li guardavi con ammirazione.Una casa di amici,una casa rumorosa di mille voci a volte basse e sussurrate a volte alte  e urlanti.Una casa  dove gustare cibo buono tra risate,commenti mooolto napoletani,macchinetta del caffè sempre in azione e cotolette spesse due dita .Una casa a cui bussavi spesso perchè il panettone era ancora caldo o le “pizzelle di ciurilli” appena fritte,era un continuo scambio di succulente preparazioni,era il nostro modo per dirci “ci vogliamo bene”.Una casa a cui guardo con nostalgia,in cui vorrei sedermi per una attimo col mio caschetto biondo e rivivere con il mio presente,ciò che lì ero…era la casa dei miei bellissimi vicini!

Cake con farina di riso e farina integrale
Cake morbido e semplice,fatto con farina di riso e integrale e arricchito da gocce di cioccolato
Write a review
Print
Ingredients
  1. 3 uova
  2. 180 g. di zucchero di canna
  3. 100 ml di olio di semi di girasole
  4. 150 ml di latte intero
  5. 200 g. di farina di riso
  6. 100 g. di farina integrale
  7. 150 g. di yogurt
  8. mezza bacca di vaniglia
  9. i bustina di lievito per dolci
  10. un pizzico di sale
  11. 80 g. di gocce di cioccolato
Instructions
  1. Montare le uova con lo zucchero ed il pizzico di sale,unire anche i semini della mezza bacca di vaniglia
  2. Unire un pò alla volta e sempre mescolando l'olio,lo yogurt e il latte
  3. Aggiungere le farine setacciate insieme al lievito,mescolando dal basso verso l'alto
  4. Versare il composto nello stampo da plum cake imburrato e infarinato
  5. Cuocere in forno preriscaldato per circa cinquanta minuti a 170°fino a doratura e fare comunque sempre la prova stecchino
Notes
  1. Questa dose ve bene per uno stampo di circa 30x10 cm.
  2. Al posto delle gocce di cioccolato si possono usare mirtilli o altri fruttini rossi essiccati o anche uva passita,insomma spazio ai vostri gusti
Dolci Delizie di Casa http://www.dolcideliziedicasa.ifood.it/
IMG_20150523_084046

Era il 1982,avevo un caschetto biondo e sembravo un maschietto con le tette;ma ero felice nonostante mi chiamassero quattrocchi,si avevo anche gli occhiali ed erano azzurri,abbinati ai miei occhi :)…decisioni di mia mamma,alla fine la colpa è sempre stata sua!Ero allegra,ribelle e spensierata e se la mia infanzia ha sorriso,è stato anche merito di quella famiglia bellissima!

Alla prossima e bellissima giornata!

Comments

  1. Leave a Reply

    scamorza bianca
    23 giugno 2015

    Questo dolce sa di coccole e famiglia, di corse in bici e ginocchia sbucciate, di gare, litigi e riappacificazioni come solo i bambini sanno fare… bellissimo!

  2. Leave a Reply

    Laura e Sara Pancettabistrot
    20 giugno 2015

    Che affascinante casa che doveva essere…di quelle con le mura che ne hanno di storie da raccontare! Ti immaginiamo una fantastica e allegra ragazzina 🙂 bellissimo cake da gustare tra i ricordi!
    Buon weekend carissima, un abbraccio!

  3. Leave a Reply

    laura flore
    20 giugno 2015

    Ciao Damiana, sei bravissima a scrivere
    mi piace leggere i tuoi racconti, sei brillante e simpatica! Complimenti per questo cake fantastico, che sa di casa, i cose belle, di bellissimi ricordi d’infanzia!
    Sei unica, non cambiare mai sei perfetta cosi! Bravissima!
    Un abbraccio e felice week end!
    Laura♡♡♡

  4. Leave a Reply

    ipasticciditerry
    18 giugno 2015

    Altro che la vecchia che ti ha fatto arrabiare su fb!!! Ahahahahhh, bellissima bionda con il caschetto e gli occhiali azzurri, come ti tuoi occhi … ti immagino proprio. Buono questo dolce, sa proprio di casa e di famiglia. Anche io ho dei bellissimi ricordi di bambini e le incursioni a casa dei piccoli amichetti e viceversa a casa mia … bei ricordi che mi hai risvegliato oggi, cara Damy e ne avevo proprio bisogno.

  5. Leave a Reply

    Eisabetta
    18 giugno 2015

    bellissimo,rustico,impastato e lievitato alla grande!! come piace a me…slurp!!anzi doppio slurp :)) queste farine che stai usando,sono una meraviglia,Damia’!! e poi,della farina 00 si dicono tante cose negative, in questi ultimi tempi…tu che ne pensi? n’abbraccio ventoso,ciaciona del mio cuore ^___^ cca’ par c stann i lup e o vient t n port…ahahah

  6. Leave a Reply

    Simo
    17 giugno 2015

    anche io ho dei bei ricordi dei vicini di casa, avevano una ragazzina come me, di un anno di meno e spesso lei veniva da me a giocare, io da lei, poi creavamo dei bei grupponi in cortile e nella via…che ricordi, felici!!!!! E d’inverno…mettevamo su il giradischi e via…col ballo del mattone della mitica caschetto d’oro Rita pavone…o eri forse tu?!
    Questo cake sa di casa, di famiglia, di bei ricordi…
    Un bacione bella amica mia
    P.s: togliti il cappello, và…uahahahahah sai a cosa mi riferisco…..

    • Leave a Reply

      damiana
      17 giugno 2015

      We’ io il cappello non me lo tolgo….aspita io inizio a vedermi figa!Sto metabolizzando bene e poi ci sei tu con la tua musica…anzi fa na cosa,tu tigliti la cuffia va che mi sembri la sorella mbriaca di sandy marton….uahhhhhhh te lo ricordi?

  7. Leave a Reply

    Mary Vischetti
    17 giugno 2015

    Che bello questo post Damiana…è bello il ricordo dolce e nostalgico che ti accompagna, è bella quest’immagine chiassosa e allegra di gente che chiacchiera, mangia, si vuole bene, ed è bello il tuo cake…semplicemente delizioso, proprio come te!! Tanti baci, Mary

    P.S. Il caschetto, che oggi chiamiamo esoticamente “bob”, io ancora lo “indosso”…mi ci sono affezionata!!

  8. Leave a Reply

    chiarapassion
    17 giugno 2015

    Damiana ricordo sempre con grande nostalgia i ricordi di me da piccola, dei mie vicini, del mio Paese e delle cose che ancora mi fanno battere forte il cuore…sarà che in questo periodo sono particolarmente nostalgica ma questo tuo post mi ha portato alla mente cose ormai lontane…mi consolo con il tuo cake che deve essere speciale come te!

    • Leave a Reply

      damiana
      17 giugno 2015

      Amoruccio mio…mi sono.accorta della tua nostalgia.Ci son momenti che tutto riaffiora e mette un magone…tu fai un sorriso dei tuoi,ingoialo e mandalo giu,lasciando in bocca solo il dolce…la nostalgia alla fine è sempre dolce!Vieni qui che ti strapazzo un po’!

  9. Leave a Reply

    lory b
    17 giugno 2015

    Io della vicina ricordo una pizza strepitosa… ogni tanto me la prepara ancora, però pur essendo la stessa non ha più lo stesso sapore spensierato scapigliato di un tempo.
    Che bei ricordi Dami, sei una donna speciale ed anch’io ti voglio un mondo di bene <3
    Aaah quanto vorrei poter assaggiare una fettina di questa meravigliosa torta… in tua compagnia naturalmente. Mai dire mai!!!
    Un abbraccione stretto tesoro!!!!!!!!! Ah dimenticavo… il caschetto l'ho portato anch'io non ti dico che risate si fa mia figlia, guardando le foto 🙂

    • Leave a Reply

      damiana
      17 giugno 2015

      È cambiata la pizza,la vicina o noi?ok mentre riflettiamo spariamoci una fettina di cake e porta le foto…odddio ho bosogno di una risata dai!Ciao Lory bella!

  10. Leave a Reply

    Natalia
    17 giugno 2015

    Guarda, a me è toccato un taglio di quelli corti da vedersi il cuoio capelluto, che poi avevo le vertigini quindi sembravo un piccolo riccio spellacchiato. Quindi sorvoliamo che è meglio!
    Bellissimo il tuo racconto/ricordo, credo di essermi innamorata di quel tavolo lungo di marmo!
    Un cake che ricorda proprio le merende di un tempo, sane e golose.
    Bacioni amica mia

    • Leave a Reply

      damiana
      17 giugno 2015

      Ohhhhh no….ahahah con le vertigini è un disastro ahahah…però un riccio dal musetto bello e simpatico!:-)Ciao amica!

  11. Leave a Reply

    natascia
    16 giugno 2015

    Che belli i ricordi d’infanzia! Io ero figlia unica e mi piaceva andare da mia nonna perchè avendo tantissimi cugini l’atmosfera era come quella dei tuoi vicini. E Sai che anch’io avevo i capelli a caschetto a 12-13 anni? Poi anch’io li ho fatti crescere e tenuti lunghi per molti molti anni. A 40 anni li ho tagliati di nuovo!
    Buonissimo e soffice plumcake per la colazione accompagnato da un thè freddo!
    Un bacione .

    • Leave a Reply

      damiana
      17 giugno 2015

      Sta fase caschetto l’abbiamo attraversata un po’ tutti,tipo morbillo e varicella :-)…io ho fatto gli anticorpi però.Un bacione Natascia

  12. Leave a Reply

    ely mazzini
    16 giugno 2015

    Adoro la farina di riso nei dolci, il cake è delizioso…come te 🙂
    Bacioni

  13. Leave a Reply

    ada
    16 giugno 2015

    Io niente caschetto, capelli lunghissimi e guai solo a sentir parlare ti tagli! 🙂 Era bello avere una casa accanto alla tua con le pote sempre aperte… un tempo si cresceva in compagnia. Se poi c’erano anche gli scambi di piatti e di pizzelle di ciurilli…ancora meglio! 🙂 Bello il tuo cake, sa di casa, di semplicità e di buono!

    • Leave a Reply

      damiana
      16 giugno 2015

      Anch’io sempre lunghissimi,il caschetto è stato una parentesi durata il tempo della ricrescita della chioma…e da allora mai più corti!
      Un bacio Ada!

  14. Leave a Reply

    Cristina
    16 giugno 2015

    Anche a me è toccato il caschetto…ma stile frate…orrore ! Quanti pianti ad ogni taglio di capelli. I ricordi d’infanzia come questi vanno tenuti stretti nel cuore. Una bacione bella…Rita !

  15. Leave a Reply

    Claudia
    16 giugno 2015

    Penso che la fase “maschietto” sia toccata a tutte 😀 Io da piccola avevo i capelli corti corti (e non potevo neanche appigliarmi alle tette che, ahimè, non sono mai pervenute)… scelta di mia madre, che pensava fossero più facili da gestire! Povera me xD Beh, mi riprendo con questo cake, che ha un ottimo aspetto

    • Leave a Reply

      damiana
      16 giugno 2015

      Ahahah …mai pervenute no,diciamo appena intraviste!Un bacione Claudia!

  16. Leave a Reply

    Eleonora
    16 giugno 2015

    grazie Damiana per questa condivisione dei tuoi ricordi, della spensierata allegria dei momenti di infanzia. Fa bene ripensare ad atmosfere che ci hanno fatto stare bene…
    e spesso nei nostri ricordi compare un piatto o un dolce. Vuol dire che ciò che facciamo ora noi, darà un contributo positivo ai ricordi futuri! 🙂
    come questo cake…un dolce morbido che porta in sè l’affetto di casa.
    grazie… (e io…sono pure passata per il taglio “a scodella”…!) ciao!!!!

    • Leave a Reply

      damiana
      16 giugno 2015

      Sicuramente chi ci circonda,si ricorderà di noi anche attraverso i profumi e i sapori….speriamo non solo!Un baciuzzo e grazie a te Eleonora:-)

  17. Leave a Reply

    Adenina Viola
    16 giugno 2015

    Ah come ti capisco…a me il caschetto da bambina è toccato castano 🙂
    Ottima questa cake, ha un aspetto soffice soffice!
    My Tester Mania

    • Leave a Reply

      damiana
      16 giugno 2015

      A quanto pare sto caschetto ha traumatizzato un po’ tutte :-).Ciao cara!

  18. Leave a Reply

    SABRINA RABBIA
    16 giugno 2015

    mi piace leggerti, hai mai pensato di fare la scrittrice da grande????Ah, ah!!!!Delizioso il tuo dolce, renderebbe felice chiunque assaggiarlo!!!!Baci Sabry

    • Leave a Reply

      damiana
      16 giugno 2015

      Ci manca un bel po’ per essere grande…magari ci penso…sai ni piacerebbe,ho solo paura di essere censurata!:-)Ciao tesoro!

  19. Leave a Reply

    Fr@
    16 giugno 2015

    Anche io da bambina ho sempre avuto i capelli corti, poi crescendo li ho sempre avuti lunghi e folti e indomabili…
    Delizioso il il tuo cake.

    • Leave a Reply

      damiana
      16 giugno 2015

      Indomabili anch’io…perciò non ci provo neanche piu’:-)!bacio tesoro!

  20. Leave a Reply

    saltandoinpadella
    16 giugno 2015

    Mia mamma ci ha provato con il caschetto ma io ero un gran maschiaccio e amavo i capelli corti…che non avevo mica tempo di farmi asciugare i capelli da mia mamma che cercava inutilmente di dargli un aspetto decente. Io volevo correre a giocare.
    Sei stata fortunata, è difficile avere vicini così, di solito è proprio il contrario. Doveva essere una vera festa

    • Leave a Reply

      damiana
      16 giugno 2015

      Si vero,sono stata fortunata…oggi poi averne di vicini cosi’!:-)

  21. Leave a Reply

    speedy70
    16 giugno 2015

    Adoro i dolci con le farine alternative… golosissimo e genuino questo cake, complimenti!!!

  22. Leave a Reply

    Claudia
    16 giugno 2015

    Zitta.. zitta.. tu sembravi Rita Pavone.. io un maschietto talmente mi tagliavano i capelli corti O_O.. Ottimo questo plumcake rustico… :-*****

    • Leave a Reply

      damiana
      16 giugno 2015

      Ehhh però ero più carina della Rita,con tutto rispetto della Pavone!:-)tu un bellissimo maschietto…sicuro!:-)

  23. Leave a Reply

    Ketty Valenti
    16 giugno 2015

    Anch’io da piccola con gli occhiali,ma rossi e anche a me chiamavano quattr’occhi!
    Bello e delizioso questo cake,anche morbidissimo ci farei la seconda colazione 🙂

  24. Leave a Reply

    Patrizia
    16 giugno 2015

    Patrizia Marini · Liceo Scientifico Saffo
    Ciao bella bionda dal caschetto infantile…
    Erano in tante a portare il caschetto in quegli anni, mia sorella per esempio, io no, ero nata prima e portavo capelli lunghissimi, lisci e con la riga in mezzo, perchè così piaceva a mia madre…
    I ricordi sono qualcosa di prezioso, da accarezzare e dei quali sorridere ancora con la stessa felicità e tu sei fortunata ad averne di così belli!
    Stupenda questo cake Damiana, ricetta equilibrata che mi piace tantissimo… vorrei poterne prendere una fetta !
    Un abbraccio , buona giornata,
    Patrizia

    • Leave a Reply

      dolcideliziedicasa
      16 giugno 2015

      Ahahahaha quel caschetto,avrei preferito anch’io capelli lisci e lunghi,ma è da dire che quel caschetto è stato sostituito presto dai soliti ricci!
      Si cara,ho dolci ricordi anche grazie ad amici…Un bacione tesoro e grazie!

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

CONSIGLIA The Original New York Cheese Cake