Barchette di polenta “maritate” con friarielli e salsiccia!!

Allora….ma mi ci vedete a girare una polenta per quaranta minuti???Ebbene si si è proprio così……NON L’HO FATTO!!Tanta voglia di mangiarla, non equivaleva  a tanta voglia di prepararla,quindi spremendo le meningi, mi è venuta in mente una puntata di New work di Laura Ravaioli, dove cuoceva in acqua bollente  la farina di granoturco, semplicemente coprendo il tutto con un canovaccio umido,coperto ulteriormente da un coperchio. Senza mai rimestare, dopo quaranta minuti la polenta era prontissima senza alcuna fatica!!Beh devo dire che e’ vero,l’ho sperimentato,ma dopo aver messo tutto in pentola,ho udito un rumore strano provenire dalla  cucina e mi sono accorta che la polenta straripava incessantemente ,quasi a volermi dire “Ehi bella terrona,io non faccio per te,lasciami perdere!!”””Ma “capa tosta””,non mi son persa d’animo e dopo un ” tu per tu” con la signora in giallo,mi son fatta valere,ho ripreso il coperchio e l’ho premuto con forza e decisione,questa volta avendo l’accortezza di abbassare un pochino la fiamma!!Con timore la sorvegliavo da lontano,da dietro il pilastro come una ladra, la spiavo fingendo noncuranza…insomma in quei quaranta minuti,ho sudato le sette camicie,senza neanche lavorare!Alla fine ce l’ho fatta,è venuta una polentina di tutto rispetto!
I  fidati”friarielli””invece,si sono affidati alle mie mani e alla fine hanno sposato con piacere queste barchette di polenta.Un matrimonio eccellente,collaudato che conosco da bambina,anche se presentato in modo diverso!!La mamma preparava spesso la polenta fritta che accompagnava la nostra  minestra(altra verdura tipica),quindi nulla di nuovo,ma solo preparata in modo da essere servita come antipasto!
I friarielli sono broccoli tipici di Napoli,molto simili alle cime di rape e con le infiorescenze appena sviluppate.Si chiamano friarielli,perchè vengono messi in olio che soffrigge con aglio  e peperoncino…il profumo???????? ecchevelodicoaffà!!!Parlaaaaaaaaaaaaaa e dice”””Muovt muovt piglia nu’ poc e pan!!!!
Claro????
Per la polenta
500 g. di farina di granoturco (fioretto)
1 cucchiaio di sale grosso 
2 lt di acqua
Per l’impanatura
farina
uova 
pangrattato 
Quando l’acqua è ancora tiepida,versare a pioggia la farina,rimestare un pochino.Coprire con un canovaccio umido,mettere anche il coperchio in modo da sigillare il tutto.Abbassare la fiamma e far trascorrere i quaranta minuti.Una volta pronta,versarla in una teglia oliata.Regolatevi con le dimensioni della stessa,l’altezza del composto dovrà essere massimo  un paio di cm.Lasciare raffreddare completamente,io l’ho preparata la sera prima.Una volta rassodata,sformare e tagliarla a losanghe.Impanare,passandole prima nella farina,poi nell’uovo e infine nel pangrattato.Conservare in frigo fino al momento dell’uso.

Per i friarielli e salsiccia
1 Kg di broccoli
4 salsicce
olio evo q.b
peperoncino
aglio 2 spicchi
sale

Pulire e lavare i broccoli.Far soffriggere la salsiccia sbriciolata in abbondante olio.Scolare e tenere da parte.All’olio aggiungere i due spicchi d’aglio sbucciati,il peperoncino e far soffriggere.Unire i broccoli,salare e non incoperchiare,perderebbero il loro verde brillante.Cuocere una decina di minuti e alla fine aggiungere la salsiccia.Conservare da parte.
Assemblaggio
Prendere le barchette di polenta e friggerle in olio caldo fino a completa doratura.Scolare su carta assorbente e passarle sul piatto di servizio,ricoprendole con i friarielli e salsiccia.Servire calde.

Con questa ricetta partecipo al contest di
Ramona  del blog Farina,lievito e fantasia
Contest

Comments

  1. Leave a Reply

    Cucina di Barbara
    21 dicembre 2010

    Carissima Damiana,
    che ricetta appetitosa e che idea anche per queste feste
    Ti auguro un sereno Natale e ancora + sereni preparativi, nel caso non riuscissi a passare ancora dal tuo blog!
    Baci, Barbaraxx

  2. Leave a Reply

    Rossella
    21 dicembre 2010

    Ciao Damiana ! Ti immagino affaccendata tra cene e regali, neve e piaceri vari…. Ti faccio tantissimi auguri di Buon Natale e buone feste, e che siano festività dolci e coccolose ! un abbraccione forte !!!!

  3. Leave a Reply

    Anonimo
    21 dicembre 2010

    Ciao c'è un giveaway Natalizio con tanti regali ti va di partecipare??? qui p=911

  4. Leave a Reply

    Nel cuore dei sapori
    21 dicembre 2010

    Ciao tesorona, non devi preoccuparti, ne sentirti come hai scritto. Il web è grande, non ci si può accorgere sempre di tutto,stai tranquilla. Il tuo affetto e il tuo abbraccio mi sono arrivati pienamente, grazie per le tue profonde parole. Ho letto che anche tu hai vissuto quel dolore da vicino quindi mi sento capita in pieno e puoi immaginare come sto,
    accolgo e ricambio il tuo abbraccio, grazie, Francesca

  5. Leave a Reply

    Enza
    21 dicembre 2010

    mamma mia Damia'..ti copiooo..
    troppo buoni…
    sei fortissima mia cara…
    Tanti cari auguri a te e famiglia
    di un sereno Natale!!
    baci
    Enza

  6. Leave a Reply

    manuela e silvia
    19 dicembre 2010

    Ciao! queste barchette di polenta sono una vera chicca: gustosi e ricchissimi di sapore!
    Non samplici nell'esecuzione, ma siamo sicure che all'assaggio valgano davvero la pena!
    baci baci

  7. Leave a Reply

    Lucia
    19 dicembre 2010

    Mi piacciono sti matrimoni: polenta, salsiccia e friarelli! Anche se, più che un matrimonio, mi sembra il triangolo di Renato Zero 😀 Leggendo il tuo (come sempre godibilissimo) post, mi è venuto in mente che io, dopo quasi 24 anni di permanenza a Bergamo, non ho ancora imparato a fare la polenta… Proverò il tuo sistema, magari funziona anche con me che sono un caso patologico 😀 Ciao, tesoro bello! Un bacio con lo schiocco 😉

  8. Leave a Reply

    Nel cuore dei sapori
    19 dicembre 2010

    Ciao tesoro, è da un pò che manco ma ci tenevo a passare da te e lasciarti un salutino. La tua positività è contagiosa e fa bene all'animo, un bacio e complimenti per la ricetta

  9. Leave a Reply

    Tamtam
    18 dicembre 2010

    Sai Damiana, alcuni anni fa abitavo in un palazzo il cui portiere era un signore napoletano con una grande passione: mangiare bene…ogni due settimane tornava a Napoli a trovare i parenti e ritornava con la macchina piena di tantissime specialità…mozzarelle di Aversa fatte appositamente per il nostro palazzo la domenica mattina, mazzi di friarielli appena colti, pane cafone a lievitazione naturale, e ricciole che non entravano in forno…lui tornava la domenica sera e poi distribuiva nel palazzo (ovviamente a pagamento) tutte le cose che noi ordinavamo….e i friarielli erano la mia passione…i broccoletti romani sono uguali di aspetto, ma diversi nel sapore….sulla polenta, perché non provi la bramata, è più facile da cuocere ed è più buona…comunque mettila sempre prima che l'acqua bolla, aggiungi un bel cucchiao di olio evo, sale, fiamma molto bassa, e il segreto, se non hai il paiolo di rame, usa una pentola antiaderente, stai tranquilla che non si attacca nulla….è buonissima…un abbraccio

  10. Leave a Reply

    Cristina
    18 dicembre 2010

    Grazie Dami, per le bellissime parole che mi hanno fatto coraggio in questi giorni difficili.
    un bacio immenso

  11. Leave a Reply

    laniu
    17 dicembre 2010

    una polentina così deliziosa con cotanto accompagnamento possiamo solo sognarcela quassù tra imonti dove la polente scorre nelle vene!!!!!Super bravissima!!!!!

  12. Leave a Reply

    Oxana
    17 dicembre 2010

    Che ridere, Damiana!! Bella idea di cucinare polenta:) Solo che io non ho capito una cosa ( scusami! ): un canovaccio metto sopra della pentola in tal modo che il vapore rimane nella pentola, vero?
    Bacione

  13. Leave a Reply

    marzia
    17 dicembre 2010

    …da polentona quale sono ti faccio un grandissimo applauso!!!brava la nostra bella bionda 🙂 sei un fenomeno, mi hai fatto morire quando 'spiavi' la polenta ahahahah…questo metodo è davvero innovativo per cuocerla, non lo conoscevo!!e pensa che i friarielli invece non li ho mai assaggiati, mannaggiaaaaa 🙂 insieme devono essere un trio vincente, con quel peperoncino che dà grinta a tutto…mi ero persa qualche tuo post, ma stamattina ho recuperato…con tutte ste belle ricette mi hai messo una fame!!un bacione, cuochetta pazzerella :):) e un abbraccio forte 🙂

  14. Leave a Reply

    Ambra
    16 dicembre 2010

    La mia bella terrona alle prese con la padana polenta mi fa davvero sghignazzare!!!!Io però da piemontese quale sono non conoscevo questo metodo di cottura e ci proverò!!I friarielli invece li conosco eccome!!!Pure abbinati con la salsiccia!!!Sulla pizza sono la fine del mondo!!!Chissà sulla polenta!!!Smack!!

  15. Leave a Reply

    ornella
    16 dicembre 2010

    Ci voleva una napoletana per insegnare ad una veneta come fare la polenta senza mescolare per 40 minuti!! Grazie!!
    I friarielli cara Damiana non li conosco ma sono certa che sono favolosi!Bacione!

  16. Leave a Reply

    terry982
    16 dicembre 2010

    Damiana una vera e propria delizia… questo piatto è da leccarsi i baffi! complimenti anche per la presentazione del piatto e per le foto (davvero stupende). baci Terry

  17. Leave a Reply

    Sara
    16 dicembre 2010

    La polenta si ribellava ad un metodo di cottura più comodo… ma alla fine ci sei riuscita a fare un piccolo capolavoro! Io adoro i friarielli, prendo sempre la pizza con salsiccia e friarielli se la trovo..! Un bacio

  18. Leave a Reply

    piccoLINA
    16 dicembre 2010

    Damiana sei fortissima!!!!! Io sono cresciuta a latte e polenta, qui da me la si fa un giorno si e uno anche, la adoriamo ma sono daccordo con te sulla faticaccia!!!!
    Provero' questo metodo, grazie infinite per la dritta!
    Un abbraccio gioia bella!

  19. Leave a Reply

    lucy
    16 dicembre 2010

    ma dai …cosa vengo a scoprire!!1 davvero funziona?!assoluatmente da provare allora visti poi i risultati!bacioni!

  20. Leave a Reply

    Elisabetta
    16 dicembre 2010

    buon pomeriggio,Damia'!!!il duello con la signora in giallo,mi è piaciuto proprio assai!!ancora sto rrenn…….ti vedo,appollaiata ad un angolo della cucina,per spiare gli sviluppi solitari della polenta!!!una ricetta coi fiocchi,piccre'!!ti devo confessare che la polenta non l'ho mai cucinata,tantomeno assaggiata…ma se mi dovessi diverire come hai fatto tu,la farei di corsa..i friariell……ehi..gemme preziose della nostro sud^;^c'u sasicc po'…ch profumo,ciacio'…chillu peperoncino ch fa capolino….fammn i'..è meglio!!!nu vas con lo schiocco,cuoca sopraffina mia!!!smackkkkkkkk

  21. Leave a Reply

    Fabiana
    16 dicembre 2010

    Bella testona mia come farei senza di te??? chi avrebbe mai avuto , se non te, la brillante idea di far socializzare l’austera nordica polenta con il simpatico e caliente friariello.. tutto sotto gli occhi della mitica salsiccia… grande donna… un bacio natalizio…

  22. Leave a Reply

    Ramona
    16 dicembre 2010

    Per caso sono finita a sbirciare il tuo blog e mi sono accorta che hai postato una ricetta per il contest.
    Ma hai inviato il link al post? Posso aggiungerla?

  23. Leave a Reply

    Manuela
    16 dicembre 2010

    Mamma mia cara Damiana!! Cosa mi stavo perdendo!! Per una polentona come me, questa ricetta è una stragoduria!! Bravissima!! Un bacione.

  24. Leave a Reply

    Tery
    16 dicembre 2010

    Mi piace questo abbinamento nord-sud! e anche questo modo di preparare la polenta! Pensa che io di solito prendo la precotta per comodità….
    Queste barchettine me le papperei molto volentieri!
    Un bacione!

  25. Leave a Reply

    stefy
    16 dicembre 2010

    Bellissime da vedere…..golosissime da mangiare….un bacino stefy

  26. Leave a Reply

    dolci a ...gogo!!!
    16 dicembre 2010

    un accostamento e unabbinamenti di sapori tra nord e sud veramente eccezionale Damy!!Mio amrito mi chiede la polenta fritta da tanto tempo e con la salsiccia e friarieli che adoro i sa che lo mando in paradiso!!qui scatta il copia e incolla subito!!!bacioni Imma

  27. Leave a Reply

    mela
    16 dicembre 2010

    Che meraviglia!!
    Li mangerei anche ora, per colazione!!!
    :)))

  28. Leave a Reply

    Mariacristina
    16 dicembre 2010

    Che voglia di polenta con questo freddo! Magnifia questa ricetta, complimenti. Un abbraccio.

  29. Leave a Reply

    Lory B.
    16 dicembre 2010

    Sei troppo forte!!!!!
    La polenta con i friarielli, originalissima!!!!!!!!!
    Tu mi contagi….hai visto che cosa sono riuscita a fare sabato sera, grazie a te???????? Vieni, ti aspetto!!!!!!
    Un bacione, fonte inesauribile di idee!!!!!!!!!!!

  30. Leave a Reply

    viola
    15 dicembre 2010

    Ma sai che non conoscevo questo sistema per cuocere la polenta? Devo provarlo, ma tengo direttamente la fiamma bassa 🙂
    Ottima questa ricetta, i broccoli li adoro e l'insieme è davvero molto invitante.
    Bravissima….qui da te è sempre tutto golosissimo…..tentatrice!!!
    Un bacione

  31. Leave a Reply

    maria luisa ♥
    15 dicembre 2010

    ..e con questo piatto hai pensato anche alla par condicio, una pietanza del nord e una del sud che hanno dato vita a un piatto goloso e profumato, brava la nostra Damiana!

  32. Leave a Reply

    Ely
    15 dicembre 2010

    bionda del mio cuore di solito svengo per i tuoi dolci, ma ragazza mia questo piattino is lovely!!!!! baciiii Ely

  33. Leave a Reply

    RicetteAmoreFantasia
    15 dicembre 2010

    Mmmmh queste barchette a Napoli le chiamiamo in un altro modo…..
    Comunque i scaglozzi con salsiccia e friarielli mi stuzzica molto.
    Ciao cara a presto

  34. Leave a Reply

    Puffin
    15 dicembre 2010

    Delle barchette gustosissime!!! mi piace proprio l'idea…baci

  35. Leave a Reply

    Simo
    15 dicembre 2010

    Tesò, dalle mie parti si dice…chi la dura la vince!
    E poi a vedere il risultato….yuhmmmm!
    Da buona polentona me ne mangerei un bel piattone

  36. Leave a Reply

    Max
    15 dicembre 2010

    Friarelli e salsiccia…su quella polenta diventano una golosità unica…ciao.

  37. Leave a Reply

    Cranberry
    15 dicembre 2010

    Che bella ricetta con i profumi di terre nostrane!
    😀
    Anche da me si cucinano così i friarell, ma li chiamiamo broccoletti 😛
    Un bel piatto però condito alla perfezione e capisterina per la polenta, io vado ancora con quella precotta quando tocca a me cucinarla 😛
    ehehehe

  38. Leave a Reply

    Federica
    15 dicembre 2010

    Io son "capa tosta" ma anche tu scherzi mica dolcezza mia ^__^ Non conoscendo questo metodo, che ora mi appunto bel bello e lo passo pure alla mamy, ho sempre ripiegato sulla polenta a cottura rapida!!!
    Questo "matrimonio" s'avea proprio da fa' nessun Don Rodrigo che tenga. Troppo stuzzicose le barchette infriarellate :D!
    Baciottoni e in bocca al lupo

  39. Leave a Reply

    Betty
    15 dicembre 2010

    uh mamma mia bella ma c'ha cumbinat??? 😀 😀
    quanto mi piace la polenta…
    non l'ho mai "maritata", mi stuzzica!
    complimenti cara.

  40. Leave a Reply

    giulia pignatelli
    15 dicembre 2010

    Ricetta mozzafiato cara terrona ;))))
    non ho ancora sperimentato il metodo della Ravaioli, ma mi hai proprio tentata. Bacioni!

  41. Leave a Reply

    Scarlett:
    15 dicembre 2010

    qui al sud invece non si fa spesso ma io debbo avere radici nordiche perche' mi piace tantoooooo!!!cmq ''Claro'' che vorrei una porzione tutta per me,sai questo invito a nozze non lo perdo mica!!!ahahaa bacioni e brava come sempre

  42. Leave a Reply

    Ale only kitchen
    15 dicembre 2010

    Damiana, golosissime queste barchette e qunato mi piacciono i friarelli:-)D
    Non ho mai provato questo metodo per la cottura della polenta, però sono dotata di una fantastica "polentiera" in rame con tanto di frusta e motore elettrico che lavorano per me…

  43. Leave a Reply

    Federica
    15 dicembre 2010

    e ti pare che non mi segno anche questa ricetta magnifica..qua a Padova la polenta va via come il pane!!!!!!!!!sempre bravissima!baci!

  44. Leave a Reply

    raffy
    15 dicembre 2010

    ma che bontà…devo provarli assolutamenteeeeeee!!!bravissima!!

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

CONSIGLIA A Scilla il raduno nazionale dei Ninja della comunicazione